TAVAGNACCO: ASSEMBLEA STRAORDINARIA DELLE PRO LOCO FVG CON STUDIO DELLA CGIA DI MESTRE

TAVAGNACCO: ASSEMBLEA STRAORDINARIA DELLE PRO LOCO FVG CON STUDIO DELLA CGIA DI MESTRE

Prima assemblea per il Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale tra le Pro Loco d’Italia dopo il lock down: rimandata in primavera allo scoppio dell’emergenza coronavirus, la convocazione straordinaria per approvare il nuovo statuto, in previsione delle elezioni che si terranno il 5 settembre, si è svolta oggi 18 luglio nell’area festeggiamenti di Tavagnacco, ospiti della Pro Loco cittadina. L’occasione ha visto anche la presentazione dello studio sul valore socioeconomico delle Pro Loco commissionata dall’UNPLI Nazionale alla CGIA di Mestre: si tratta della prima volta in tutta Italia che lo studio viene presentato in una sua versione regionale.

Il Friuli Venezia Giulia in molti indicatori positivi ha percentuali superiori della media nazionale (e il primato per quanto riguarda la formazione sulla sicurezza) e per quanto riguarda la ricaduta dei suoi eventi, dalle sagre ad altre manifestazioni, sul territorio e le aziende locali “vale” 200 milioni di euro l’anno, ovvero il 10% del valore totale nazionale (2,1 miliardi di euro), a testimonianza del valore che viene reinvestito sul tessuto economico del Friuli Venezia Giulia. Numeri basati sui dati 2018 elaborati nel 2019: ora il Covid-19 ha imposto a 2 Pro Loco su 3 di annullare, posticipare o ripensare i propri eventi nel 2020.

“Ma oltre ai dati economici – ha dichiarato il presidente del Comitato regionale Valter Pezzarini – quello che risalta dallo studio dell’UNPLI Nazionale e CGIA di Mestre è il grande valore sociale per le comunità e il territorio rappresentato dall’opera dei volontari delle Pro Loco, che anche in questa estate così particolare, rispettando le regole sanitarie, stanno provando a organizzare dei momenti aggregativi molto importanti per la popolazione. Lo studio ha analizzato mille 400 eventi tra sagre e altri appuntamenti a livello regionale, appurando che portano a oltre 1 milione di presenze. Eventi che non solo solo divertimento e aggregazione ma anche valorizzazione del patrimonio locale materiale, tra natura e beni storici, e gestione di servizi, a partire da quelli turistici, senza dimenticare la solidarietà sociale che proprio durante il lock down ha visto le nostre Pro Loco aiutare la Protezione civile, distribuire borse della spesa, mascherine e aiutare nella pulizia di strade e cimiteri oltre a donare direttamente 25 mila euro. Oggi a Tavagnacco abbiamo avuto modo di confrontarci sul futuro e di poter ringraziare la Regione e gli altri soggetti che ci sostengono”.

Sono intervenuti il presidente della Pro Loco Tavagnacco Nicola Macor, che ha raccontato come la tradizionale Sagra degli Asparagi (nominata dall’UNPLI Nazionale Sagra di Qualità) sia mancata alla comunità con tutti i suoi legami sociali che comportava, sperando di recuperare nel 2021; il sindaco di Tavagnacco Moreno Lirutti che ha lodato l’importanza della Pro Loco per la cittadinanza; il presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin che ha ricordato come in ogni paese regionale le Pro Loco svolgano un ruolo sociale fondamentale (presenti anche i consiglieri regionale Mauro Bordin, Edy Morandini, Massimo Moretuzzo e Mariagrazia Santoro); il segretario dell’UNPLI Nazionale Roberto Prescendi che ha dato il suo contributo sulle modifiche regolamentali e portato il saluto del presidente nazionale Unpli Antonino La Spina, promotore dello studio con CGIA.

La vicinanza della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia è stata ricordata dall’assessore alle attività produttive e turismo del Friuli Venezia Giulia Sergio Emidio Bini, che ha annunciato un prossimo intervento nella legge di assestamento di bilancio e lodato Pezzarini e il Comitato per il lavoro vincente di squadra. “La galassia delle Pro Loco è un sistema che sta funzionando e sta crescendo – ha commentato Bini -. Abbiamo percentuali superiori alla media nazionale grazie ad un modello virtuoso che attraverso il volontariato di migliaia di persone che vi fanno parte garantisce un punto di riferimento sociale per le comunità locali ma anche una forte promozione e attrattività turistica. Le nostre fiere e sagre sono conosciute anche all’estero e sono un richiamo per migliaia di turisti. I contributi assegnati alle Pro Loco e non spesi nel 2020 a causa dell’emergenza sanitaria potranno essere recuperati per l’organizzazione di eventi nel 2021”.

I dati dello studio (risalenti al 2018 ed elaborati nel 2019) della CGIA di Mestre vedono in Friuli Venezia Giulia 220 Pro Loco con 23 mila soci che sono tutti volontari attivi (a livello nazionale, su 600 mila soci sono 300 mila quelli attivi, che donano in totale all’anno 25 milioni di ore di volontariato). Di questi volontari attivi in Friuli Venezia Giulia il 57% sono uomini e il 43% donne, il 57% ha un’età tra i 35 e 64 anni (in Italia il 54%), il 25% 65 anni e più (18%), il 18% meno di 35 anni (28%). Sono 800 le sagre e fiere e 600 gli altri eventi (dalla passeggiate agli eventi artistici, dalle rievocazioni storiche allo sport ai seminari e presentazioni di libri), per un totale di mille 400 appuntamenti organizzati dalle Pro Loco del Friuli Venezia Giulia che richiamano 1 milione di partecipanti (di questi il 44% sono famiglie, il 31% giovani, il 25% anziani). Il 72% delle Pro Loco regionali s’impegna in interventi di sostegno o di solidarietà sociale, contro la percentuale nazionale del 57%. Ben l’81% di Pro Loco in regione ha partecipato a corsi sulla sicurezza contro la percentuale nazionale del 61% e il 100% di esse svolge la raccolta differenziata contro il 93% nazionale. Come detto la ricaduta economica degli eventi delle Pro Loco del Friuli Venezia Giulia, dalle sagre ad altre manifestazioni, a beneficio del territorio e delle aziende locali “vale” 200 milioni di euro l’anno, ovvero il 10% del valore totale nazionale (2,1 miliardi di euro).

“C’è più di una Pro Loco in alcuni Comuni regionali- ha sottolineato Andrea Favaretto della CGIA di Mestre -: per questo sono un vero agente di comunità, come dimostrano i dati che abbiamo raccolto e analizzato. Il fatto che il sistema delle Pro Loco del Friuli Venezia Giulia valga il 10% dell’indotto economico nazionale deriva dal fatto che è trainato dal turismo, che in questa zona è fondamentale. Ora vedremo cosa succederà dopo il Covid-19 ma oltre all’economia è l’elemento sociale a rimanere fondamentale: le Pro Loco sono essenziali per il territorio, vero e proprio corpo intermedio, motore dello sviluppo che ha il volontariato come benzina”.

I lavori hanno visto, come detto, l’assemblea discutere su nuovo statuto e regolamento, con due emendamenti non approvati della Pro Loco G.B. Gallerio Vendoglio. Presentato anche il bando su “Misure urgenti per valorizzare e promuovere sagre, feste locali e fiere tradizionali” legge regionale 13/2020 da parte di Alberto Guerra dello Sportello SOS Eventi FVG e su rinnovo degli statuti Pro Loco Aps con Salvatore Oliverio e il segretario del Comitato regionale Marco Specia. Accesso con rispetto delle disposizioni sanitarie grazie al personale del Comitato regionale, con rispetto distanze e igienizzazione.

1° RAPPORTO NAZIONALE L’IMPATO DELLE PRO LOCO SULLA SOCIETÀ’ E SULL’ECONOMIA ITALIANA (focus sul Friuli Venezia Giulia) – realizzato da CGIA Mestre